• tel. 0773 662602

  • Via Montenero 38, Latina, LT

 

L’aggiornamento continuo ci dà la possibilità di mettere a disposizione dei nostri pazienti le tecniche più moderne e vantaggiose!

E' possibile pianificare l'intervento grazie all'assistenza del computer, SENZA BISTURI né SUTURE

Prima che l’implantologia divenisse una specializzazione con risultati predicibili, la perdita di denti comportava per il paziente l'inconveniente di dovere portare una protesi rimovibile parziale o totale. Queste protesi mobili, oltre a rappresentare un handicap psicologico per i loro portatori più giovani, risultavano spesso svantaggiose dal punto di vista funzionale ed estetico. 
Oggigiorno gli impianti dentali ci permettono la realizzazione di protesi fisse che eguagliano i denti naturali in termini di estetica, funzione e durevolezza.

Si tratta di impianti  in titanio caratterizzati da comprovata resistenza e durata, altamente biocompatibili e di qualità ottima.

 

I produttori di impianti di qualità forniscono ad ogni paziente una certificazione di Originalità e di Assistenza dei propri impianti e delle componenti protesiche affinchè i pazienti possano ricevere assistenza in qualunque parte del mondo si trovino.

Il nostro centro rilascia ai pazienti che effettuano interventi di implantologia la dental Card all'interno della quale vengono inserite le etichette dei componenti utilizzati al fine di consentire la rintracciabilità degli stessi

 

Si tratta di una radice artificiale costituita da titanio, un materiale noto per la sua biocompatibilità, già da molti anni viene infatti utilizzato per le protesi dell’anca ed in generale per tutta l’ortopedia.

Le radici artificiali hanno la forma di una radice dentale e dimensioni che variano a seconda delle caratteristiche del sito ricevente e del dente che devono supportare.

Tali radici una volta impiantate, vengono “sposate” dall’osso che le circonda rimanendo saldate in esso, incorporate; questo processo di osteointegrazione avviene in un periodo di tempo di 6-12 settimane.

 

 

Gli impianti trovano utilizzo in tutti i casi in cui vi è la mancanza di uno o più denti ed anche nel caso in cui vi sia una edentulia totale. SENZA LIMITI DI ETA'.

Possono essere inseriti senza interferire sugli altri denti sani e offrono soluzioni a tempo indeterminato per i problemi di mancanza dei denti.

Gli impianti permettono

  • Di avere denti forti che non si muovono
  • Di liberarsi delle tradizionali protesi mobili, scomode e antiestetiche

  • Di prevenire l'atrofia e la perdita ossea, a differenza dei ponti e della protesi mobili infatti gli impianti si osteointegrano con le ossa mascellari e ne mantengono la naturale densità

  • Di avere denti visivamente non distinguibilili da quelli naturali

  • Di mangiare e masticare naturalmente

  • Di non danneggiare i denti sani adiacenti, a differenza dei ponti che necessitano della limatura dei denti vicini per essere realizzati

  • Di non avere più i dolori ed i fastidi provocati dalle protesi mobili

  • Di non avere paura di sorridere o mangiiare per problemi di inestetismi o rotture delle protesi mobili

 

L’intervento per il posizionamento di un impianto è assolutamente indolore,viene infatti eseguito in anestesia locale e dura mediamente 30-40 minuti.

Laddove la terapia richieda l’inserimento di più impianti contemporaneamente può essere utilizzata anche una leggera sedazione,o con protossido d'azoto o con farmaci, per rendere più confortevole la seduta.

Viene eseguito un lieve sollevamento della gengiva e viene preparato un alveolo con strumenti calibrati per il successivo avvitamento dell’impianto, il tutto avviene in condizioni di asepsi con l’uso di strumenti assolutamente sterili, così come per tutte le altre procedure.
La guarigione dell’impianto avviene all’interno della gengiva fino al momento in cui non verrà eseguita la scopertura per eseguire l’impronta da cui l’odontotecnico creerà la protesi.

Nella maggior parte dei casi si può avere un lieve indolenzimento della parte che viene controllato con i normali antidolorifici, a volte si può avere un modesto gonfiore che però viene prevenuto con l’impiego di antinfiammatori da subito o dal giorno prima dell’intervento.

Si tratta dell’applicazione della protesi provvisoria sull’impianto senza l’attesa del periodo di guarigione.

Si esegue in casi selezionati sia in caso di mancanza di denti singoli, sia nel caso in cui siano coinvolti più impianti che sorreggono una protesi.

Rispetto al passato, le tecnologie moderne consentono sempre più l’utilizzo di questa tecnica a beneficio dei pazienti che in minor tempo possono soddisfare il loro bisogno.

Le ultime ricerche presenti nella letteratura scientifica ci dicono che la durata di un impianto può essere a vita a condizione che sia presente un buona igiene orale e che le protesi inserite sugli impianti siano eseguite correttamente.
A tal riguardo l nostri igienisti vi consiglieranno il modo migliore per tenere cura dei vostri impianti e dei vostri denti.

Nei forti fumatori (più di 10 sigarette al giorno) si ha un abbassamento della percentuale di guarigione, ma ciò non esclude che tale tecnica non si possa impiegare con buoni risultati soprattutto per interventi standard, ovvero dove la quantità e la qualità dell’osso sia normale.

Se la quantità d'osso presente non è sufficiente per posizionare gli impianti dentali e garantirne la stabilità di lungo periodo.

In questi casi non occorre rinunciare ai denti fissi degli impianti: gli interventi di Rigenerazione Ossea consentono di aumentare l'altezza o la densità dell'osso mascellare naturale del paziente prima del posizionamento degli impianti, preparando un sito implantare solido e stabile.

Rialzo del seno mascellare

Viene utilizzato nell'arcata superiore e sfrutta la cavità del seno mascellare per inserire i biomateriali di osteointegrazione.

 

Ricostruzione di cresta ossea con Osso Autologo o con Osso di Banca

In che cosa consiste?: la ricostruzione della cresta ossea è una tecnica chirurgica per inspessire l'osso quando l'osso residuo naturale del paziente è insufficiente per permettere il posizionamento degli impianti.

Tecnica: la ricostruzione di cresta ossea è effettuata con l'inserimento di blocchi di Osso Autologo, quindi proprio del paziente, oppure di Osso di Banca *, ossia di un donatore. L'osso viene appoggiato sulla cresta ossea con dei tasselli, dove si osteointegra nel tempo permettendo l'inserimento degli impianti in un'area stabile.

L'Osso di banca è fornito dalla banca del Tessuto del CTO di Torino: l'osso di donatori selezionati e trattato per eliminare rischi di contagio di malattie infettive  o fenomeni di rigetto.

 

Rigenerazione ossea con Biomateriali e Membrane riassorbibili e non

Quando si effettua? Quando l'altezza della cresta ossea è scarsa o quando è necessario colmare un cratere osseo a seguito di estrazioni o malattia parodontale.

In che cosa consiste? Si riempie lo spazio presente con il biomateriale di rigenerazione a copertura del quale si colloca una membrana. La membrana isola il sito ostacolando l'accesso al tessuto molle che altrimenti invaderebbe lo spazio destinato alla più graduale crescita ossea.

Quando si utilizza la membrana non riassorbibile questa deve essere rimossa prima di procedere al posizionamento degli impianti dopo circa 3-6 mesi dalla sua installazione.

 

Split crest

Quando si effettua? Quando è necessario aumentare l'osso perchè troppo sottile per l'inserimento degli impianti.

In che cosa consiste? Si effettua un'incisione gengivale e tramite uno strumento con una lama apposita, viene creato uno spazio nell'osso, separandolo in due zone sottili. In questo spazio vengono inseriti gli impianti ed eventuali materiali di rienpimento.