• tel. 392 9775087/0773 662602

  • Via Montenero 38, Latina, LT

Interessa il 30% di tutti gli adulti e il 60% degli uomini di età superiore a 60 anni.

 

Il russare innocuo si manifesta solo occasionalmente, per esempio dopo l’assunzione di alcol, e ha un andamento regolare, una frequenza bassa ed è armonico. Esiste invece un’indicazione di patologia quando il russare si verifica tutte le notti, è molto forte e talvolta è "esplosivo".

Il fenomeno del russare ha molteplici cause:

  •  stenosi delle vie respiratorie nasali causate da polipi o tumefazioni della mucosa.
  •  occlusione dello spazio faringeo posteriore causata dal velo palatino e dall’ugola.
  •  vibrazioni durante il rilassamento della muscolatura della faringe nel passaggio dell’aria.                 

La causa più frequente è comunque la lingua, che tende a scivolare all’indietro e quindi può occludere parzialmente o totalmente le vie respiratorie. Devono essere considerati come particolarmente critici i rumori respiratori forti durante la notte, accompagnati da interruzioni della respirazione. Questi segni clinici indicano un “russare ostruttivo” con occlusione parziale delle vie respiratorie e una “apnea ostruttiva del sonno" in cui la lingua blocca completamente le vie respiratorie.

Per apnea del sonno si intende un arresto della respirazione correlato al sonno della durata di almeno 10 secondi, se questo si verifica per più di 5 volte in un minuto, la saturazione di ossigeno del sangue si riduce in maniera significativa e questo può condurre a una molteplicità di sintomi clinici:

  • sonnolenza diurna,
  • cefalea mattutina, 
  • riduzione dell'efficienza mentale,
  • rigurgito acido con bruciore alla gola, 
  • impotenza,
  • modificazioni negative della personalità.            

Chi soffre di apnea ostruttiva del sonno ha, durante la notte, un sonno disturbato con brevi risvegli non percepibili dovuti a colpi di tosse o sussulti inspiratori, inoltre si sveglia stanco con l'impressione di non aver riposato ed è più soggetto a colpi di sonno. L’OSAS rappresenta un importante fattore di rischio per disturbi cardio-circolatori, cerebro-vascolari, per l’ipertensione arteriosa, e come tale va diagnosticata e possibilmente trattata nel modo più adeguato per ogni singolo paziente.

Da la maggiore mortalità causata da malattie cardiocircolatorie e l’elevato numero di incidenti automobilistici riconducibili a questo quadro patologico, questa malattia ha un ruolo sociosanitario importante . Vengono colpiti con maggiore frequenza gli uomini di mezza età in sovrappeso, ma anche le donne ed i bambini che presentano un retrognatismo marcato.